Parallels Desktop: un must have per Mac

In Consigliati, Mac, Recensioni, Software by Roberto0 Comments

Parallels Desktop: un must have per Mac

Oggi ho deciso di parlarvi di un software veramente eccellente per MAC, uno dei software Must Have, uno di quelli che rendono più semplice fare qualcosa di eccezionale.

Inutile dire che i software di virtualizzazione sono tanti e chi più, chi meno, offrono caratteristiche uniche ed eccellenti; tutti offrono quello per cui vengono scaricati ed installati: virtualizzare una o più macchine diverse all’occorrenza; diversi sistemi operativi.

Anni fa, un’azienda di nome SWSoft lanciò sul mercato un’applicazione nuova: Parallels Desktop. L’azienda ricevette talmente tanto successo che cambiò il proprio nome in Parallels e da li… tutto ebbe inizio!
Siamo ora arrivati alla versione 10, una versione che, come ogni nuova nata della casa, offre sempre qualcosa in più rispetto alla precedente. Ovviamente, Parallels 10 offre il supporto a Yosemite – offerto con limitazioni anche dalla versione 9.

Parallels, sin da subito, dopo l’installazione, offre una interfaccia pulita e una semplicità di utilizzo immediata; questo, insieme all’eccellenza del software, ne rinnova il successo di anno in anno.

Vediamo cosa ha di tanto speciale Parallels Desktop 10.

Immediatamente, nella schermata di creazione di una macchina virtuale (per semplicità ho scelto Windows) si intuisce la vera forza di Parallels, come già detto, la sua semplicità, ma procediamo passo passo e creiamo una macchina insieme. Apriamo Parallels e procediamo punto per punto

• Nuova macchina virtuale: Per prima cosa dovrete scegliere se installare Windows o un altro sistema operativo da un file d’immagine, una USB o un DVD; oppure se migrare Windows da un altro PC. Io ho scelto di installare Windows da file immagine;

Parallels Desktop 10 - Installazione

• Ora clicchiamo su File d’Immagine e andiamo Avanti…

Parallels Desktop 10 - Sorgente

• Qui si vede ciò di cui vi parlavo: la semplicità. Prendete il vostro file immagine e, semplicemente, trascinatelo sotto la freccia

Parallels Desktop 10 - Drag & Drop Immagine

• Parallels Desktop riconoscerà automaticamente il sistema operativo e non vi resterà che cliccare ancora Avanti…

Parallels Desktop 10 - Guest OS

• Bene, ora dovete solo inserire il product key di Windows 7 (nel mio caso Ultimate) e cliccare ancora Avanti…

Parallels Desktop 10 - Product Key

• Altro colpo di genio di Parallels: scegliete a cosa vi servirà l’installazione che state per fare e automaticamente lui imposterà i vari parametri (RAM, CPU, ecc.). Io ho selezionato Produttività, in quanto mi occorrerà solo utilizzare Office e altri semplici software. E ora… clicchiamo Avanti.

Parallels Desktop 10 - Tipologia di utilizzo

• Scegliamo un nome per l’installazione. Ci sono altre opzioni tra cui la condivisione della macchina virtuale con tutti gli utenti del Mac e la spunta per personalizzare le impostazioni, prima di procedere con l’installazione. Io non intendo condividere l’installazione e non voglio personalizzare le impostazioni, per ora.
Ovviamente, un maggior quantitativo di risorse assegnate alla macchina virtuale (come ad esempio) renderà meno performante OS X. Le performance di OS X dipenderà, inoltre, dalla configurazione del vostro Mac; se avete poca RAM a disposizione – ad esempio – e su 8 GB disponibili in totale, ne assegnate 4 al sistema operativo emulato, quella RAM NON sarà disponibile per Mac OS X.

Parallels Desktop 10 - Nome, Percorso e altre impostazioni

• Attendete l’installazione di Windows che si completerà automaticamente… nient’altro!

Parallels Desktop 10 - Installazione in corso

Se non siete utenti esperti e smaliziati e non volete addentrarvi in settaggi avanzati, queste sono le impostazioni basilari per creare velocemente e senza difficoltà una macchina virtuale.

Una annotazione: nella prima schermata, potrete vedere una lista di installazioni disponibili rapidamente – con download compreso – che praticamente vi lascerà disoccupati totalmente, fino al termine dell’installazione. Se, ad esempio, volete installare Ubuntu o Windows 10 (Technical Preview), basterà selezionare la voce corrispondente e attendere download ed installazione automatizzati.

Parallels Desktop 10 - Sistemi pronti

Se sul vostro sistema sono già presenti altre macchine virtuali, Parallels Desktop provvederà a importarle e ad aggiornarle all’ultima versione dell’emulatore, tutto automaticamente e senza alcuno sforzo da parte vostra.

Grazie ad una perfetta integrazione con Yosemite, nel Centro Notifiche è possibile installare un widget che permette di controllare i consumi e la percentuale di risorse occupate da Parallels Desktop, le quali – grazie alla nuova tecnologia Fast Lane – sono notevolmente ridotte rispetto alle versioni precedenti.

Parallels Desktop 10 offre un’altissima integrazione con Mac OS X. Se andrete ad installare Windows, ad esempio, potrete direttamente sfruttare la funzionalità Hand Off di Yosemite per chiamare un numero di telefono o condividere un link via iMessage o SMS; ancora è presente l’integrazione con l’archiviazione remota di Apple e lo Streaming Photo che verranno visti da Windows come semplici cartelle. Altra integrazione, particolarmente interessante è quella con Dropbox, infatti, da Windows emulato sarà possibile archiviare i documenti anche nel client Dropbox installato su OS X.
Comunque, le principali condivisioni, potete visualizzarle in questa immagine.

Parallels Desktop 10 - Condivisione

Una cosa che apprezzo particolarmente di Parallels Desktop è la Modalità Rollback che vi consente di scegliere cosa fare dopo aver terminato di lavorare con la macchina virtuale: mantenere automaticamente le modifiche (ovviamente, in questo caso, non vi verrà chiesto nulla; allo spegnimento della macchina virtuale, tutto sarà salvato) oppure scegliere che vi venga richiesto se mantenere le modifiche oppure scartarle e tornare allo stato della macchina virtuale prima dell’utilizzo.

Parallels Desktop 10 - Gestione snapshot

Una volta che avrete terminato ogni installazione voi vogliate eseguire, avrete la lista dei sistemi operativi disponibili… Eccola:

Parallels Desktop 10 - Sistemi Operativi disponibili

Per ulteriori informazioni o per dare una ulteriore occhiata al sito ufficiale, cliccate qui.

Il prezzo di Parallels Desktop 10 è di € 79,99 oppure, se avete una precedente installazione, dovrete sborsare solo € 49,99. Cliccate qui per provare gratuitamente Parallels Desktop 10.

Leave a Comment