Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.
14 Dic 2018

Roberto Bonfà – Chi sono

Roberto Bonfà? Chi diavolo è Roberto Bonfà?

Chi capiterà su questo sito, sicuramente, si porrà questa domanda.

Tenterò di rispondere nel modo più appropriato possibile!

Ciao! Sono Roberto, ho un età superiore ai trent’anni (non importa di quanto superiore). Sono single, ho una casa tutta mia in cui vivo quasi da solo (ho alcuni animali domestici); ho un grosso e anziano cane di nome Jerry Lee e, da luglio del 2018, anche un gatto che hanno abbandonato in casa mia e che si chiama Ted…

Ah, scusate, credevo fosse una di quelle pagine dove si dicono stupidaggini per rimorchiare.

Come avrete capito dalle poche parole qui sopra, sono una persona scherzosa e che prova a sorridere sempre perché, come disse qualcuno…

Charles Spencer Chaplin
A day without laughter is a day wasted.
Charles Spencer Chaplin

Sono una persona socievole, gentile ed educata. Sono mattiniero, ma anche notturno. Amo la compagnia delle persone che mi piacciono e so dare molto più di ciò che mi si chiede. Preferisco fare shopping piuttosto che passare una giornata in piscina. Preferisco mille volte una serata con gli amici a bere una birra, piuttosto che una serata di caos chissà dove. Odio volare, ho il terrore di volare! Potessi scegliere viaggerei sempre in auto, ma amo essere solo io a guidare. Ho guidato tutta notte e toccato 6 stati – Italia, Svizzera, Austria, Liechtenstein, Germania e Repubblica Ceca – per arrivare fino a Praga…
Amo le giornate di pioggia e la neve. Odio il caldo.
Non mi arrendo facilmente, anzi… sono esageratamente testardo, caparbio, ostinato e – come avrebbe detto mio padre – hai la testa più dura del cemento armato!, quando penso ne valga la pena. Come dice qualcuno (che mi conosce meglio di chiunque altro): “almeno sai sempre ciò che vuoi e provi in ogni modo ad ottenerlo“.
Ho una memoria eccezionale e questo non è quasi mai un bene.

Ho tre regole che seguo ciecamente:

  • Non mentire;
  • Se qualcosa conta, tenere duro e non arrendersi davanti a nulla, finché si può;
  • Fare di tutto per mantenere ogni promessa, costi quel costi…

Ci sono tre cose che la vita mi ha insegnato:

  • Nessuno, chiunque sia, fa qualcosa senza un tornaconto personale;
  • Per quanto bene si possa fare, non  sempre si ricava del bene, anzi… non esiste alcuna “giustizia divina”.
  • A volte si deve rinunciare, nonostante tutto e contro ogni volontà.

Se dovessi riassumermi – caratterialmente – userei queste parole:

Amo il mare e la montagna, il rumore delle onde e i temporali montani, la spiaggia e il bosco.
Detesto i “quasi”, i “forse”, i monosillabi.
Do peso alle parole, molto! Do ancora più peso ai fatti.
Piango per un film, per un finale di un libro, per le persone che vanno via.
Ho l’incazzatura abbastanza facile, ma mi basta una piccola parola per farmela passare e non riesco a tenere il muso alle persone a cui tengo.
Credo sempre che l’ultimo tentativo sia il penultimo e credo che le cose belle non si ottengano se non si lotta.
Mi piacciono le cose complicate e resisto a lungo, molto a lungo. Non mi arrendo quasi mai.
Non so dire “addio” veramente.
So solo che resto, resto se credo in qualcosa. Resto se mi sento voluto.

Ho tre citazioni che amo, oltre a quella scritta sopra di Chaplin…

Albert Einstein
Albert Einstein
A question that sometimes drives me hazy: am I or are the others crazy?

 

Gilbert Keith Chesterton
Fairy tales do not tell children the dragons exist. Children already know that dragons exist. Fairy tales tell children the dragons can be killed.
Gilbert Keith Chesterton

Ok, questa è la “testa” della moneta, ma c’è anche la croce!

Sono molto pretenzioso nei confronti delle persone che mi circondano e pretendo mi trattino come io tratto loro. È più facile deludermi che sorprendermi. Non si riesce quasi mai a scioccarmi o farmi scandalizzare, ma riesco a scioccare, quando voglio. So essere molto scortese e antipatico, con chi ha fatto sì di meritarlo. Sono impulsivo, stronzo, ma sempre sincero.
I filtri dell’imbarazzo, della delicatezza e della vergogna a me non li hanno applicati. Sono molto vendicativo e rancoroso, ma – soprattutto – molto difficilmente dimentico un torto e raramente perdono chi me lo ha fatto.
Odio, in assoluto, le falsità, le menzogne ed essere preso per il culo.

So amare e odiare. Sono estremo, ma sempre leale, sincero e buono.

Roberto Bonfà – Esperienze lavorative

Al giorno d’oggi Roberto lavora come Sistemista Microsoft all’interno di una società della provincia bergamasca ed è distaccato presso l’ufficio di Security Infrastructure di un istituto bancario italiano, ormai da 7 anni.
Non entro troppo nei dettagli del mio lavoro perché non è un colloquio, ma solo una breve descrizione, perciò diciamo che non mi annoio assolutamente e che – amando il mio lavoro – non ho nulla di cui lamentarmi.

Sono molto curioso e fondamentalmente nerd; adoro “giocare” con tutto ciò che è tecnologico! Mi appassiona la tecnologia e sono sempre in cerca di qualcosa di nuovo da scoprire e su cui imparare; anche perché la curiosità – nel mio campo – è un requisito fondamentale.
Tento di ricavare il meglio da ciò che scopro e imparo e provo sempre ad introdurre qualcosa di nuovo nella mia vita. Il mio ultimo acquisto (dispendioso) è stato un NAS (più evoluto del modello precedende) con 4 dischi da 3TB in RAID 5, supporto al 4k, Time Machine e un sacco di altre cose sfiziose (a cui dedicherò un intero articolo non appena avrò tempo per scriverlo).

Sono approdato al mondo informatico quasi per caso e non ho mai più cambiato strada, anche se… ogni strada è tortuosa e densa di insidie.

Mi sono diplomato al Collegio Arcivescovile Pio XI di Desio come perito tecnico commerciale; ho frequentato per un po’ (3 anni) l’università degli studi di Milano (ero iscritto a giurisprudenza!) e ho scelto il servizio civile invece che quello militare.

Ho lavorato con bambini, adolescenti e anziani con handicap più o meno gravi e amavo quel lavoro, ma… la strada che ho percorso, alla fine, per un motivo o un altro, è stata quella che mi porta a scrivere questa pagina.

Per riassumere tutta la mia esperienza lavorativa direi semplicemente che sono partito dalle basi, con poche conoscenze e tanta voglia di imparare. Sono passato da una società di 30 dipendenti, che era in forte crescita, e ho proseguito cambiando diverse volte il mio tragitto, fino ad arrivare ai giorni d’oggi, ad una azienda con oltre 700 colleghi. Sono stato da clienti con 4 postazioni di lavoro, ma ho anche vissuto realtà da 20.000 o 30.000 postazioni e più.

Ho avuto molte esperienze lavorative che, se da una parte non danno un’ottima impressione su Curriculum Vitae (molti esaminatori superficiali pensano che io sia uno a cui piace cambiare tanto per cambiare), dall’altra mi hanno fornito un’ottima esperienza professionale e di vita: ho imparato tantissimo, anche e soprattutto nei momenti di difficoltà.

Ho frequentato alcuni corsi interessanti, tra cui quello per sostenere colloqui (da intervistatore) e, soprattutto, ad aprile del 2015 Roberto Bonfà si è certificato vmware VCP 550.

Roberto Bonfà – Un po’ di info varie

Ho alcune grandi passioni e molti interess:
  • La musica! Vivo ascoltando musica appena possibile e spesso mi isolo nel mio mondo ascoltandola. Non ho un genere preferito, se una canzone mi piace, la ascolto. Potete farvi un’idea cliccando sulla mia playlist che trovate linkata nella sidebar di questo sito; passo dagli AC/DC a Billy Joel, passando da Beethoven e finendo con Elvis.
  • La tecnologia direi che è quasi inutile menzionarla, ma per completezza di informazioni… Amo la tecnologia e sono malato per lei. Adoro giocare con oggetti tecnologici di ogni tipo e – in questo momento – avrei oltre 60 guide da scrivere e 30 prodotti da recensire. Sono iscritto a diverse liste Amazon per il test di prodotti, ma ho momentaneamente sospeso per mancanza di tempo.
  • La fotografia. Ho sempre amato la fotografia e ho anche fatto un paio di corsi per imparare qualcosa. Ahimé mi sono reso conto che – però – come passione è piuttosto dispendiosa.
  • Lo sport! Amo il calcio e mi piace il pugilato. Odio la formula 1 e mi annoia il motociclismo.
  • Il cinema. (Inteso come cinematografia). Di fatto, ad essere sincero, odio i cinema intesi come sale cinematografiche. Trovo assurda la gestione delle suddette sale, in termini di rapporto costo/qualità. Anni fa scrivevo recensioni per un sito di cinema che è ora chiuso e dimenticato.
  • Ho tanti altri interessi e alcune altre passioni, ma rischiamo che diventi una lista della spesa…

Altre info su di me…?!

Ora come ora non mi viene in mente nulla! Prometto che se dovesse venirmi in mente altro, aggiornerò la pagina…

Per ora vi auguro un buon proseguimento, qualsiasi cosa stiate facendo.