Ghost: Dopo molti anni di Wordpress mi sono buttato in un nuovo mondo...

Ghost ecco il nome del nuovo "motore" che alimenta questo sito.

Cos'è Ghost?

Ghost è una piattaforma di blogging, molto "scarna", minimalista e orientata in particolar modo alla scrittura di post, con pochi fronzoli.


Qual è la differenza con Wordpress?

Wordpress è un CMS (Content Management System), ossia qualcosa di più di una piattaforma per bloggare e scrivere. Con Wordpress si può fare molto di più; si possono sviluppare siti molto più complessi.


Perché hai scelto Ghost, dopo tanti anni con Wordpress?

A questa domanda ci sono molteplici risposte, che sono quelle che sperò altre persone capiranno e - magari - appoggeranno...

  1. Su alcune cose io sono esagerato, lo so, ma passavo tantissimo tempo a tentare di ottimizzare sempre meglio Wordpress.
    Su Wordpress ho fatto migliaia di modifiche, nel tentativo di ottimizzarlo sempre meglio: hosting, tema, rimozione di plugin, ecc.
  2. Wordpress - proprio per il punto precedente - porta via molto tempo; si passano ore e ore per tentare di ottimizzare ogni cosa e tutte le volte trovi qualcosa che consideri irrinunciabile (un plugin, un'opzione aggiuntiva, ecc.)
  3. Volevo un sito statico, per provare, perché è più semplice e più veloce; perché ha pochi fronzoli e ci si perde poco tempo.
  4. Volevo cambiare e misurarmi con qualcosa di nuovo, che a primo impatto non mi piaceva, che mi dava l'idea di essere incompleto, ma... mi sono ricreduto e ho imparato qualcosa di nuovo.
  5. Ghost è veramente semplice, ci si deve solo mettere davanti ad un software di scrittura in markdown[1] e scrivere, solo SCRIVERE!
  6. Volevo liberarmi da tutti gli abbonamenti che giravano intorno a WP (Dominio, Hosting, Plugin, SEO, ecc.)
  7. Provandolo a casa, in test, ho scoperto che è bello, semplice e i problemi esistenziali che si creano durante la ricerca di un hosting, qui non ci sono. Ci sono solo due scelte per hostare un sito in Ghost: Ghost.org - che è stata la mia scelta - oppure un VPS con linux e la gestione manuale di tutto.

  1. Markdown è un linguaggio di markup con una sintassi del testo semplice progettata in modo che possa essere convertita in HTML e in molti altri formati usando un tool omonimo.[4][5] Markdown è spesso usato per formattare file README, per scrivere messaggi in forum di discussioni e per creare testo formattato utilizzando un editor di testo semplice. ↩︎


Quali sono i vantaggi di Wordpress?

Wordpress, come detto, è un CMS e offre moltissime più possibilità di personalizzazione rispetto a Ghost.
Ghost ha pochi temi, Wordpress ne ha migliaia e migliaia.
Wordpress con i suoi plugin consente di estenderne le funzionalità quasi all'infinito, Ghost NON supporta i plugin (mai dire mai...)
Wordpress consente, in poco tempo, di imparare a gestirlo e configurarlo, mentre Ghost è qualcosa di diverso, semplice, ma che consente di provare qualcosa di nuovo e, come sempre si dice...:

il nuovo può spaventare

La principale differenza tra Ghost e Wordpress sta nel fatto che Wordpress è pressoché immediato da utilizzare anche per principianti, è facilmente installabile e utilizzabile, grazie anche alla sua diffusione e alla semplicità con la quale si trovano guide di ogni tipo.

Wordpress è in assoluto il CMS più diffuso su internet[1] e questo fa si che ogni giorno nascano risorse nuove per il suo utilizzo. Per Wordpress esiste tutto in misura esagerata:

  • plugin sia gratis che a pagamento (decine e decine di migliaia);
  • temi anch'essi a pagamento o gratis (come per i plugin, sono decine di migliaia quelli che si trovano in giro per la rete);
  • guide;
  • modifiche fattibili e non;
  • altre risorse.

  1. WordPress is used by 38.5% of all the websites, that is a content management system market share of 63.5% ↩︎


Allora perché passare a Ghost, se Wordpress è così personalizzabile e semplice?

Come sempre, maggiore diffusione non significa migliore.
Proprio per la sua diffusione e semplicità d'uso, Wordpress ha tante vulnerabilità[1], è pesante e tante risorse (quelle migliori) sono a pagamento.
Per fare qualcosa di diverso e ottimizzato alle proprie esigenze bisogna investire molto tempo e non pochi soldi.
Ghost è immediato e - anche se meno personalizzabile è soddisfacente.

Ghost è minimale, molto.

Ghost è più veloce e ottimizzato[2]

Ghost integra già strumenti SEO, che invece su Wordpress sono a parte e i migliori sono - ovviamente, come sempre - a pagamento, con abbonamento annuale.


  1. È il CMS più attaccato e bucato ↩︎

  2. In fondo a questo articolo troverete l'immagine della scansione che ho fatto con Google Pagespeed, dopo il passaggio a Ghost ↩︎


Tiriamo le somme e proviamo a riepilogare perché sono passato a Ghost, dopo molti anni di Wordpress.

Sono passato a Ghost per non perdere più tutto il tempo che perdevo ad armeggiare con Wordpress. Ogni cosa richiedeva tempo, tanto:

  • ottimizzazione generale;
  • test di plugin nuovi;
  • cambio di plugin con uno più efficiente;
  • cambio del tema, perché ne ho trovato uno migliore, più bello e veloce;
  • aggiornamenti continui, di tutto (temi, plugin, motore, ecc.)

Con Ghost, come già detto, questo non accade, tutto è già implementato e le alternative per l'hosting sono solo due: installazione, configurazione e gestione in proprio (con un VPS o altro) oppure l'hosting su Ghost.org che comprende ogni cosa, tutto.

Ghost.org comprende veramente molte cose, alcune delle quali non è detto che servano, ma ci sono!

  1. Strumenti SEO per l'ottimizzazione sui motori di ricerca[1] inclusi, ossia sono tutte le attività volte a migliorare la scansione, l'inidicizzzazione ed il posizionamento dei contenuti sui motori di ricerca. Semplificando: SEO migliore = migliore posizionamento su Google.
  2. Gestione di Sottoscrizioni avanzata, ossia un sito può essere free oppure potete semplicemente (pochi click) chiudere il vostro sito e bloccare alcuni o tutti i contenuti solo per coloro che pagheranno la quota di iscrizione...
  3. Mailing list integrata. Qui c'è poco da aggiungere: significa semplicemente che potete facilmente implementare la gestione di una mailing list per fidelizzare i vostri utenti.
  4. Global CDN[2] integrata. Questo farà sì che il sito ne beneficerà in velocità e diffusione.
  5. Sicurezza. Ghost - di suo - è già più sicuro di Wordpress; Ghost.org aumenta ulteriormente il livello di sicurezza.
  6. Velocità. Come detto, Ghost è molto più veloce di Wordpress. Se ricordate, poco sopra ho promesso di allegare una foto che dimostri questa cosa... la trovate più in basso.

  1. Search Engine Optimization ↩︎

  2. In telecomunicazioni Content Delivery Network o Content Distribution Network è una "Rete per la consegna di contenuti", ossia un sistema di computer collegati in rete attraverso Internet, che collaborano in maniera trasparente, sotto forma di sistema distribuito, per distribuire contenuti agli utenti finali ed erogare servizi. ↩︎


Cosa accadrà se deciderò di provare Ghost, al posto di Wordpress?

Per prima cosa, come detto, dimenticate le decine di hosting condivisi, ho già detto più volte che ci sono solo due alternative e la migliore - a parer mio - è Ghost.org

La seconda cosa da tenere a mente è che non troverete migliaia di plugin che vi consentano di fare qualunque cosa, come far nevicare sulla pagina web (sì, esiste un plugin che fa questo) oppure che apra un popup in base ad una determinata pagina visitata, ecc.

La terza cosa è indubbiamente la grafica. Ghost si sta diffondendo, ma non è minimamente ai livelli di Wordpress, quindi i template (temi) disponibili per Ghost sono pochissimi e li potete trovare principalmente su Themeforest, dove troverete anche molti di quelli per Wordpress.
A differenza di Wordpress, i temi per Ghost non hanno pagine di impostazioni per la loro personalizzazione, ma dovrete modificare file .hbs[1] manualmente.
Ghost-hbs

La comunità di Ghost è ridotta, rispetto a Wordpress, ma ciò che serve (ciò che serve realmente) lo si trova come sempre googlando.

La migrazione da Wordpress a Ghost non è precisissima e se siete un po' maniacali, vorrete rivedere ogni cosa... (ecco perché mancano alcuni contenuti, ora, a questo sito; li sto sistemando a mano)

Il Markdown per scrivere articoli non è detto che piaccia a tutti, anzi... ci si deve fare l'abitudine e munirsi - soprattutto - di un buon software di scrittura Markdown


  1. Handlebars Template ↩︎

Mark Text

Ghost in conclusione

A me piace. Molto. Credo di aver trovato quel qualcosa che farà sì io possa dedicarmi solo alla scrittura di contenuti e alla gestione di articoli, senza fronzoli e senza perdere tempo.

Provatelo, non vi costa nulla.

Per facilitarvi le cose mi consiglio di dare un occhio qui e scaricare il software che vi consentirà facilmente di farci l'abitudine e scoprire Ghost.

Come promesso, ecco i risultati incredibili di Ghost, su Google PageSpeed Insights

Ghost Google PageSpeed Insights Mobile
Ghost Google PageSpeed Insights Desktop

Credo che l'immagine sia chiara e parlante. Con Wodpress, nonostante temi e temi provati, plugin eliminati, ottimizzazioni, ecc... non sono mai andato oltre 55 per mobile e 75 per desktop.


Se volete conoscere tutti i siti che si avvalgono di Ghost.org, perché non date uno sguardo al link seguente?!

Ghost Customers – A showcase of real sites built with Ghost
Learn about Ghost customers and why thousands of businesses rely on Ghost to build professional publishing websites. #1 CMS for privacy, security and speed.