Server VPN! Creiamo un server VPN con un Raspberry e OpenVPN.

Oggi è il turno della guida su come creare un server VPN per casa con poca spesa, poca difficoltà e moltissime soddisfazioni. Sarà sufficiente un piccolo Raspberry e un software sviluppato appositamente per lui: PiVPN!

Per prima cosa iniziamo col dire che un server VPN sempre attiva in casa può essere utilizzata per collegarsi velocemente alla rete di casa e ignorare il fatto che – magari – siamo a centinaia di chilometri di distanza, sdraiati in riva al mare oppure in giro per boschi in montagna. Con un server VPN sarete collegati alla vostra rete di casa, come foste a casa. Potrete collegarvi ad ogni dispositivo casalingo esattamente come foste sdraiati sul vostro divano…

[intense_alert font_color=”#ffffff” hover_color=”primary”]Perché farlo? Perché è qualcosa che vi richiederà pochissimo tempo, vi affascinerà e vi tornerà utile!
[/intense_alert]

Passiamo alle solite domande che chiunque di voi potrebbe porre:

  • Cosa occorre per procedere e quale costo dovrò sostenere per creare una VPN?

Come per la guida precedente, sulla creazione di un ADBlock, anche in questo caso occorre solo il minimo indispensabile. Più sotto trovate la lista della spesa, inutile se avete già acquistato tutto per creare un AD Blocker…

  • Quanto tempo mi occuperà la procedura di installazione e creazione di un server VPN?

La verità? Ci metterete pochissimo, credo non oltre 15 minuti di orologio e avrete un server VPN perfettamente funzionante.

 

Comunque, ora passiamo alla creazione vera e propria del nostro server VPN e… iniziamo con gli acquisti!

 

[amazon box=”B07BFH96M3″] [amazon box=”B07D722TCV”] [amazon box=”B01N33JS4A”] [amazon box=”B06XFSZGCC”]

[intense_alert color=”info”] Qualora non vogliate stare a cercare il case, l’alimentatore, la SD, ecc… Qui sotto trovate i link per acquistare tutto. [/intense_alert]

[amazon box=”B07BFW1N77″] [amazon box=”B07BFVYMJY”]

 

Passiamo alla preparazione dell’occorrente – software e altro.
5 minuti di download e… via!

Cosa occorre?

  1. Raspbian Lite – Sistema operativo. E’ la base ideale per quasi tutto e, in questo caso, la base per il nostro server VPN!

[intense_button color=”#829bbf” hover_color=”#a9bcd8″ hover_font_color=”#eb891c” link=”https://downloads.raspberrypi.org/raspbian_lite_latest” target=”_parent” title=”Raspbian Lite Download”]Download Raspbian Lite [/intense_button]

[intense_alert color=”warning”] ATTENZIONE: non è presente la GUI (ecco perché si chiama “Lite”), quindi funzionerà tutto da riga di comando. Tranquilli, vi indicherò ogni singolo comando. [/intense_alert]

 

Ora scarichiamo il miglior software che esista per la scrittura su MicroSD di una ISO, IMG, ecc…: Etcher!

Funziona perfettamente su Windows, come su Linux e così anche su MAC OS: Etcher Download.

 

Bene, abbiamo scaricato Raspbian che è il Sistema Operativo e anche Etcher che è il software che ci occorre per scrivere Raspbian sulla nostra MicroSD. AVANTI!

[intense_gallery type=”magnificpopup” size=”thumbnail” first_image_size=”large” include=”26197,26198,26199,26200,26201″ show_tooltip=”0″]

 

Siamo arrivati alla parte cruciale: l’installazione del nostro Raspbian Lite e la creazione del nostro server VPN con PiVPN!

Avanti tutta!

Inseriamo la MicroSD e attendiamo il boot.

Ora – ovviamente con un monitor collegato – avremo una bella schermata nera con le righe di comando; tutto ciò che ci occorre per lavorare e creare.

Effettuiamo la login con l’utente pi e la password raspberry.
Per prima cosa cambiamo subito la password dell’account root; procediamo come segue:

[intense_code type=”block”] sudo passwd [/intense_code]

[intense_blockquote]

Changing password for pi.
(current) UNIX password: raspberry
Enter new UNIX password:  **********
Retype new UNIX password:  **********
passwd: password updated successfully

[/intense_blockquote]

Ora, per personalizzare al meglio il nostro Raspbian e renderlo operativo al 100%, vediamo come lanciare il comando di configurazione…

[intense_code type=”block”] sudo raspi-config [/intense_code]

Ora navigate nel menu, iniziando col seguire le immagini qui sotto!

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Per prima cosa selezioniamo la prima voce e scegliamo la password da impostare per l’utente “pi”.

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Continuiamo!

Passiamo alle Network Options

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Impostiamo un hostname…

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Ora, io preferisco un collegamento immediato via ethernet, però se volete utilizzare la Wireless, allora dovrete utilizzare questo menu…

Server VPN con Raspberry e PiVPN

Abilitiamo il nome dell’interfaccia di rete. Io preferisco così. Scelta libera.

Server VPN con Raspberry e PiVPN

 

Abbiamo terminato la configurazione di Raspbian.

Ora, per comodità, potete proseguire collegandovi in remoto.

Potete usare Putty oppure, da Terminale Mac, basta fare così (ovviamente l’IP è quello che avete impostato qualche riga più su):

ssh pi@192.168.0.3

 

Siamo arrivati all’installazione di PiVPN!

Ancora 5 minuti…

 

Lanciamo questo comando:

[intense_code type=”block”] curl -L https://install.pivpn.io | bash [/intense_code]

Da questo momento in poi, seguite le immagini per creare il nostro server VPN. Semplicissimo!

Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #1
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #2
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #3
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #4
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #5
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #6
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #7
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #8
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #9
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #10
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #11
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #12
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #13
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #14
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #15
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #16

Al prossimo passo, qualora abbiate seguito la guida su come creare un ADBlock, allora scorrete la lista dei DNS fino in fondo, selezionate “Custom” e impostate l’IP del vostro Pi-hole! In questo modo, quando sarete collegati in VPN, sarete anche protetti dietro allo splendido Pi-hole.

Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #17
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #18
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #19
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #20
Server VPN con Raspberry e PiVPN
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #21
Server VPN con Raspberry e PiVPN. PiVPN #22

 

 

Un po’ di cose sulle quali prestare particolare attenzioni per configurare il nostro server VPN…

[intense_alert color=”warning” block=”1″]

  • Per prima cosa – se avete seguito tutti i passi attentamente, allora non dovreste incontrare problemi. Rileggete la guida, qualora qualcosa non vi torni.
  • Ricordate che è fondamentale un IP statico e che non ci siano conflitti di indirizzi IP sulla rete!

[/intense_alert]

[intense_alert block=”1″]

Assicuratevi di aprire/inoltrare la porta UDP del vostro router. Avete scelto la porta 1234? Bene, aprite la porta UDP del vostro router sull’IP che avete scelto.

La porta UDP 1234 sull’IP 192.168.0.3 deve essere aperta al traffico.[/intense_alert]

 

Abbiamo quasi terminato con la creazione del nostro server VPN, manca un piccolo passo per essere certi che tutto sia aggiornato.

[intense_code type=”block”] sudo apt-get update [/intense_code]

Attendete il completamento…

[intense_code type=”block”] sudo apt-get upgrade [/intense_code]

Attendete il completamento; questo impiegherà un po’ di tempo in più.

 

Abbiamo finito! Ora abbiamo un server VPN perfettamente funzionante e lo abbiamo creato noi, con un po’ di tempo e poca spesa…

In conclusione vi suggerisco due applicazioni per i vostri smartphone, da utilizzare per sfruttare il nostro server VPN:

iOS

[appbox appstore id590379981]

Android

[appbox googleplay net.openvpn.openvpn]

Post Correlati

Leave a comment